Il tuo sorriso

Tu hai il sorriso di un angelo dolce
che si leva felice nell’aria
quando s’accende luce d’aurora:
con un accattivante concerto di note
saluti la magia di giornate
che come in una favola si rinnovano.
Nel rosa del dì, ogni mia orma
posta sul sentiero è accompagnata
dalla luce dei tuoi occhi,
due stelle d’argento colorate di nocciola,
un nocciola ornato da pagliuzze dorate
che è il mare cristallino in cui perdermi.
E il tuo sorriso e i tuoi occhi scintillano
quando il cuore batte accelerato
nelle ondate di piacere d’un amplesso.

Il mio amore per te

Il mio amore per te:
baci dal profumo d’una rosa colta nel maggio odoroso.

Sei la viola dei miei pensieri,
nel giardino dei fiori candidi come la tua anima pura.

Un’anima trasparente d’un velo sotto al quale mi riparo
ed i tuoi baci sono bagnati d’aghi sottili di pioggia
nel tuo bosco in cui raccogli dal profumo d’un ciclamino
una perla d’acqua e me la doni inumidendomi le labbra.

Colori d’innocenza

Nella prossima aurora
intinta dei tuoi colori d’innocenza
umido sarà il tuo viso di perle di rugiada.
Io strapperò al cielo un giglio
del candore della tua anima
e lo infilerò con una goccia di stella nelle tue trecce di Sole.

Il fato ci accomuna

Il fato ci accomuna,
un destino di rose e glicini
che splende nell’oro del sole
in un cielo privo di nubi di pianto
da cui piove solo vento d’aurora
in cui cogliere i tuoi frutti innamorati.

Sorriderò ai tuoi occhi

Sorriderò ai tuoi occhi
e tu, timida come un velo di stelle,
t’aprirai in un canto di gioia
sotto un arco di luna crescente –
gocce chiare di quella luna
il tuo canto d’usignolo.

L’unica dea ramata

Nel velo blu di luce a venire,
colorata d’un rosa che sorride,
tu sarai l’unico astro che scalda,
la regina della passione tra le lenzuola,
la magia d’una notte stellata
in un universo azzurro nell’iride d’un arcobaleno.

Non piangeranno più le mura notti ingiallite
ma d’incanto ebbre del tuo sorriso di stella e del tuo nocciola di vita:
infine tu scalderai l’intera dimora profumata d’amore
come l’unica dea ramata dalla pelle di velluto,
l’unico mio amore d’una vita frastagliata dal timbro
della tua dolce ed armoniosa voce dai sottili pensieri di canto.

La farfalla

Il giorno che per incanto
ho colto te sul sentiero
rosato s’è fatto il cielo
e le nubi non han più pianto.
Ora ogni gesto è una carezza,
una coccola profumata,
lievi son giunti i baci
sulle labbra umide
e le mie notti
un tempo tristi e cupe
sono adesso illuminate
dall’azzurro delle stelle
e dalla luce del tuo sorriso
che s’apre in un canto di gioia.
Perchè tu sei la farfalla
che spensierata vola
nella brezza notturna
e mi dona onde di piacere.