Una luce che m’illumina nel cuore

Nella stufa arde un fuoco di ricordi,
di fremiti sotto le stelle
sul bagnasciuga al limite del rifrangersi di onde,
volate poi  d’amore nel turchino.

Ora il cielo è azzurro più che mai sulla dimora
in cui luccica l’oro,
dimora accesa non dalla fiamma del camino
ma dai tuoi raggi di luce.

Una luce più celeste della pioggia bagnata
di stelle che cadono a sciame.
E’ una luce che m’illumina d’infinito,
d’una gioia fiorita che palpita nel cuore.

Un cuore i cui battiti spezzano notti silenziose,
nelle quali sono un torrente in piena
le stimmate d’emozioni che segnano l’anima,
candida nella rossa aurora.

Candida come il tuo sorriso,
che ha reso trasparente la matassa dei giorni,
ora sbrogliata in ogni nodo dalla bimba,
il germoglio nascente nel destino.

 

Comments are closed.