XXV

Come per incanto m’appari
avvolta nella tua aura fatata di luce
una sera di gelido inverno.
Scoccata fra noi la scintilla,
io ambisco solo a farti mia, amore,
come da tempo immemore attendo.

Comments are closed.