XXVI

Io sono tuo,
dai piedi alle radici,
t’appartengo come una stella al cielo notturno
e ogni volta palpito
per due baci sulle guance morbide
con lo spirito d’un adolescente inquieto.

Comments are closed.