XXXV

Il timbro sottile delle tue note di voce
riecheggia nella quiete della sera
tale ad una sfumata melodia
che s’innalzerà sotto i raggi della luna,
volando oltre le pareti della stanza
e squarciando il silenzio della notte.

Comments are closed.