XXXVIII

S’è accesa la luce, una luce
che persiste fra noi, amore,
e tu mi riscaldi di vita il cuore.
La notte, poi, la tua è una brace:
io del tuo corpo di miele spengo la fiamma
placandola con ardore sinché non spunta il sole.

Comments are closed.