XLVII

Tu sei la mia unica viola del pensiero,
dagli accenti variopinti,
sin da quando Cupido m’ha trafitto il cuore
con una freccia acuminata.
Sarò tuo negli agi e nel pianto
sinché non danzerà l’ultimo crepuscolo.

Comments are closed.