Aurore

Aurore di rose d’amore,

onda s’un onda che incalza,

sulla scia di notti scarlatte-

persino la luna sorrideva ammiccando benevola.

Aurore dal profumo di gigli

preludio a giornate rosate-

le mani intrecciate in ghirlanda

sul sentiero controcorrente

inseguendo il destino,

ghermendolo con un uncino d’avorio.

Aurore baciate dal sole-

la tua stella ne appanna il chiarore.

 

Se incontreremo giornate nebbiose

apriro’ un varco con la mia spada di cera

e quand’anche scendessero

fitti aghi di pioggia

danzeremo ubriachi di gioia.

Comments are closed.