Dedica

A te, madre,

le gocce di stelle

della rugiada dei miei pensieri.

Tu, isola accesa dove rifugiarmi,

donami ancora una stilla del tuo splendore,

l’alfabeto del tuo amore

e guida la mia mano oltre il destino,

laddove s’apre un azzurro senza fine.

Comments are closed.