Sei tu la vincitrice

Sei tu la vincitrice,

io solo poeta di meste chimere

anelante al tuo astro.

Sei tu la vincitrice

perché sai che non sono,

ora non esisto.

E’ minuta la mia vita

ma procedo sicuro

solcando la strada maestra

e in due salti sarò ciò che vorrai:

ci attende una vita di lusinghe,

di quotidiana opulenza.

Io ho solo due mani per volare

tu ne hai mille per cantare-

tutti ti desiderano ma ti stenderò

un mantello ad intarsi d’oro

sicché quando solcherai pareti

ornate di glicini

volgerai a me il mare degli occhi,

io nel velo nocciola mi perderò confuso.

Comments are closed.