Il rivale

Dove sei ora?

Chi fa scivolare

il seme liquido che si arrampica

sino alla tua bocca?

Tra la cravatta e il cuore

m’assale una fitta intercostale

per l’immensa gelosia

del rivale.

Osservo quant’è vuota

senza di te la casa,

come dal panno dei vetri

non fitri alcun raggio.

Così t’attendo:

non lasciarmi tra queste mura

come una cosa dismessa

ed abbandonata qui per caso,

Comments are closed.