La stella

E’ una stella del futuro

nel presente di flashes onirici

d’un domani di baci incarnati

come schegge di diamanti forgiati

per immergersi negli abissi del piacere

nelle mie innocenti visioni di maree di speranza.

Lei scava un bagno di musica nei prati

riflesso dal mio specchio volante-

un altro nido ha il mio paesaggio

trepido di delizie femminili-

si schiuderanno labbra tiepide

con cui sarai il fiore cui farà da corolla

ogni color primaverile.

Ora sono vetri brinati

dove il vento agita le sue lenzuola

le nuvole son sovrastate da calze

ma i tuoi occhi saranno i nostri occhi;

ti dibatterai sotto ai piedi che calpesteranno

il fiore mio schiavo.

Saranno giorni di miele

con una donna che trae origini dai miei sogni

suggellati da notti scarlatte-

il frutto deflorato

sulle ali del desiderio.

La stella conficcata nel mio firmamento come una freccia.

Comments are closed.