Un battello di sogni

Quello che osserviamo

è un battello di sogni,

un veliero che ondeggia in un dolce fiume

recando una donna che gioca all’amore.

Nel culmine di primavera,

con l’incipiente estate,

una frenesia di risate

in un giardino lussureggiante.

Alle porte di ogni alba

vi sarà un gallo che frantumerà

il tappeto delle stelle

su rulli di vivacità.

Sei una bocca avida nascosta

sotto le nuvole delle tue palpebre

dispensiera di sogni nel silenzio,

collana spezzata dalle mie parole ribelli.

Sei la bocca del mio giaciglio,

selvaggia, creata per me,

bocca immemore d’ancestrali parole-

bocca già illuminata dai miraggi della neve.

Comments are closed.