RABINDRANATH TAGORE (1861-1941), Premio Nobel nel 1913, a soli 52 anni.

Da “Dono d’amore”

Lei è vicina al mio cuore

come un piccolo fiore alla terra.

Lei è dolce come il sonno che viene

per il corpo stanco.

L’amore che provo è la mia vita,

che scorre velocemente come il fiume

durante le piene dell’autunno,

che scivola in sereno abbandono.

Le mie canzoni sono una cosa sola

col mio amore, come l’acqua che mormora

con le sue onde, le sue correnti.

Comments are closed.